SPORT

Servizio a cura di Spartaco Meloni foto Mimmi Favero

Calcio – Per il CSP ancora un’altra sconfitta

Eccellenza Girone B – Il Tivoli, 10 su 10 e +8 sulla seconda

Calcio. Per Il CSP ancora un’altra sconfitta.
Con la vittoria al campo Ci.Ma. Nuovo Primavera di Aprilia per 3-1 ai danni del Centro Sportivo Primavera, firmata da Ferrari, Giovanni Esposito e De Marco ( con pareggio momentaneo del CSP di Kevin Carlino al 44’ del pt. su penalty ) la Tivoli Calcio 1919 porta a casa la decima vittoria su dieci partite di campionato nella categoria Eccellenza Girone B. Un percorso strepitoso quello della compagine di mister Carlo Pascucci, finora indomabile mettendo una seria ipoteca sulla vittoria finale del girone candidandosi già anticipatamente al salto di categoria. La sconfitta dell’Anzio Calcio di mister Guida permette tra l’altro ai tiburtini di allungare in vetta a +8 sulla seconda. Un margine senza dubbio importante a questo punto della stagione. In casa apriliana il Centro Sportivo Primavera incappa nella seconda sconfitta consecutiva dopo il rocambolesco 3 a 2 subito in rimonta in casa del Tor Sapienza. Contro il Tivoli la “banda” di mister Dario Polverini ha dimostrato di potersela giocare a viso aperto anche con le grandi ( un palo e diverse occasioni sciupate che potevano dare un’altra piega all’incontro ) ma ovviamente in molti under manca l’esperienza e quella cattiveria giusta che serve per portare a casa e chiudere certi tipi di partite. Ora per il Centro Sportivo Primavera la classifica si fa difficile e molto preoccupante, attualmente penultima con il Casal Barriera, ma la squadra risistemata dagli ultimi nuovi innesti portati dal direttore sportivo Ciro Montella, ritornato agli ordini dei presidenti Treiani/Ceccaroni dopo una breve parentesi brindisina, fanno ben sperare per il proseguo. Nel girone B vittorie importanti anche per Sant’Angelo Romano, che batte il Riano per 2-0 e per il Villalba Ocres Moca, che tra le mura amiche batte il Cantalice per 3-1. La Luiss, la Indomita Pomezia e l’Atletico Lodigiani salgono tra le prime cinque.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA