SCUOLA

APRILIA: I docenti della scuola Toscanini in Portogallo per la mobilità Erasmus+

APRILIA – I docenti dell’I.C.Toscanini di Aprilia in Portogallo per la mobilità Erasmus+.

Lo scorso 19 maggio quattro docenti della scuola primaria dell’I.C. Toscanini sono arrivate a Ponte De Lima, una cittadina a nord di Porto, in Portogallo, dando inizio alla prima mobilità prevista dal progetto Erasmus+ “New Methods and Technologies for the post pandemic School Education System to counter learning obstacles”.

Il progetto attinente all’azione chiave 2 (KA2) è articolato in due moduli, il primo dei quali attraverso la mobilità in Portogallo ha l’obiettivo di formare il personale della scuola alla transizione digitale nella scuola Primaria e Secondaria, integrando pratiche di insegnamento che combinano metodi tradizionali con metodi digitali, per rendere funzionale la didattica anche in considerazione delle diffuse difficoltà legate a specifici disturbi dell’apprendimento.

I percorsi promossi dal centro di formazione portoghese Previform hanno impegnato fino al 23 maggio le insegnanti del Toscanini assieme a colleghi provenienti da un istituto comprensivo di Malaga, in Spagna e un istituto di scuola secondaria di Ankara, in Turchia.

Per il gruppo immerso in un contesto internazionale stimolante e ricco di spunti, impegnato in un confronto continuo con le diverse realtà scolastiche dei paesi interessati, è stata un’esperienza unica sia sul piano delle competenze acquisite che dal punto di vista umano. Nei prossimi giorni il bagaglio culturale riportato dai docenti sarà oggetto di disseminazione tra i colleghi degli istituti di provenienza attraverso workshop e job shadowing. Ne conseguirà un rafforzamento delle competenze tecnologiche di tutto il personale docente delle istituzioni partecipanti e la creazione di uno spazio europeo DI apprendimento/insegnamento per potenziare il sistema di apprendimento on line.

Nel prossimo anno scolastico sarà sviluppato in Germania il II Modulo “Technological Tools for Learning Obstacles post Covid”.

 

@ RIPRODUZIONE RISERVATA