PRIMA PAGINA

X Anniversario inaugurazione Monumento ai caduti alleati

La Liberazione di Aprilia (28 Maggio 1944), la Liberazione di Roma (4 Giugno 1944), la Liberazione dell’Italia (25 Aprile 1945) ci ricordano il coraggio, la lotta e il sacrificio della vita di tante donne, di tanti uomini, ragazzi e ragazze spesso giovanissimi contro la dittatura fascista e l’occupazione nazista. Non possiamo però, ricorda Filippo Fasano dell’Anpi, insieme, non ricordare il sacrificio di tanti giovani dell’esercito alleato perché sappiamo bene quanto è costata in vite umane la follia nazifascista in tutta Europa. Decine di migliaia di giovani furono mandati a combattere contro la Germania nazista e l’Italia fascista per sconfiggere la Dittatura in Europa. Anche la nostra Città, allora molto giovane, è stata testimone, per quattro lunghi mesi (22 Gennaio, lo sbarco – 28 Maggio 1944, fine dei combattimenti) di una lotta per la Liberazione, uno scontro di valori: da una parte la Democrazia e dall’altra la Dittatura nazifascista.

Aprilia ricorda la sofferenza di quei giorni del 1944 ed il prezzo umano pagato per la libertà di cui oggi godiamo. Per costruire un futuro di pace è necessario ricordare il passato non replicando gli stessi errori. Dobbiamo lavorare affinché chi ha perso la vita non sia morto invano: tutti abbiamo il dovere di difendere la libertà e la democrazia anche per coloro che hanno sofferto e sono morti per conquistarle. I giovani devono ricordare il sacrificio di tanti ragazzi che hanno combattuto perché l’Europa diventasse democratica, perché i campi di concentramento e di sterminio non ci fossero più…Credo che l’Italia debba essere fiera di tutti quegli uomini e quelle donne che hanno lottato accanto agli Alleati per un’ Italia libera”.

Sono le parole che il veterano inglese Harry Shindler, anche lui tra gli alleati dello sbarco, inviò il 18 Febbraio del 2021 agli studenti nella cerimonia di commemorazione al cippo dedicato a Eric Waters e ai dispersi in guerra. Lo abbiamo conosciuto ad Aprilia insieme a Roger Waters il 18 Febbraio 2014 nel Piazzale Carlo e Nello Rosselli in occasione dell’inaugurazione della Stele in memoria dei caduti e rimasti senza sepoltura tra i quali Eric Waters padre del celebre chitarrista dei Pink Floyd che trovò la morte nello stesso giorno del 1944 (secondo le ricerche di Harry Shindler) nelle campagne di Aprilia. E’ scomparso un anno fa, il 21 febbraio 2023 e a lui voglio dedicare, in occasione del X anniversario dell’inaugurazione del Monumento ai caduti dello Sbarco alleato, un pensiero di riconoscenza anche a nome dell’Anpi “Vittorio Arrigoni”.

 

 

 

 

@ RIPRODUZIONE RISERVATA