PRIMA PAGINA

Caporaso: Semplicemente inaccettabile, un atto ignobile

Furti al centro antiviolenza e all’area fiere, la condanna della politica

Principi e Napolitano: 𝑠𝑖 𝑡𝑟𝑎𝑡𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑎𝑡𝑡𝑖 𝑜𝑑𝑖𝑜𝑠𝑖 𝑐ℎ𝑒 𝑎𝑟𝑟𝑒𝑐𝑎𝑛𝑜 𝑑𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑎𝑙 𝑝𝑎𝑡𝑟𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜 𝑝𝑢𝑏𝑏𝑙𝑖𝑐𝑜 𝑒 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑙𝑙𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑖𝑡𝑎̀

Aprilia – Nei giorni scorsi il Centro antiviolenza Donne al Centro, che opera all’interno del polo Culturaprilia e l’area fiere di Campoverde, sono finiti nel mirino dei ladri, che hanno portato via poche cose di valore, ma hanno danneggiato le strutture per potersi introdurre all’interno e far razzia.

“𝑂𝑙𝑡𝑟𝑒 𝑎𝑙 𝑑𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑒𝑐𝑜𝑛𝑜𝑚𝑖𝑐𝑜, 𝑖𝑛 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑐𝑎𝑠𝑜 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑒𝑛𝑢𝑡𝑜 – commentano il sindaco Lanfranco Principi e l’assessora ai Servizi sociali Veronica Napolitano- 𝑠𝑖 𝑡𝑟𝑎𝑡𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑎𝑡𝑡𝑖 𝑜𝑑𝑖𝑜𝑠𝑖 𝑐ℎ𝑒 𝑎𝑟𝑟𝑒𝑐𝑎𝑛𝑜 𝑑𝑎𝑛𝑛𝑜 𝑎𝑙 𝑝𝑎𝑡𝑟𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜 𝑝𝑢𝑏𝑏𝑙𝑖𝑐𝑜 𝑒 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑒𝑔𝑢𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑙𝑙𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑖𝑡𝑎̀. 𝐸𝑝𝑖𝑠𝑜𝑑𝑖 𝑡𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑜𝑑𝑖𝑜𝑠𝑖, 𝑑𝑎𝑙 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑐ℎ𝑒, 𝑛𝑒𝑙 𝑐𝑎𝑠𝑜 𝑑𝑒𝑙 𝑓𝑢𝑟𝑡𝑜 𝑝𝑒𝑟𝑝𝑒𝑡𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑎𝑖 𝑑𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑑𝑒𝑙 𝐶𝐴𝑉, 𝑐𝑎𝑢𝑠𝑎𝑛𝑜 𝑑𝑖𝑠𝑎𝑔𝑖𝑜 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑠𝑒𝑐𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑢𝑛 𝑠𝑒𝑟𝑣𝑖𝑧𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑣𝑖𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑖𝑚𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑝𝑒𝑟 𝑙𝑒 𝑑𝑜𝑛𝑛𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎𝑛𝑜 𝑠𝑜𝑠𝑡𝑒𝑔𝑛𝑜 𝑒 𝑎𝑖𝑢𝑡𝑜 𝑖𝑛 𝑢𝑛 𝑚𝑜𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑐𝑜𝑙𝑎𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑜𝑟𝑜 𝑣𝑖𝑡𝑎. 𝐶𝑜𝑛𝑓𝑖𝑑𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑛𝑒𝑙𝑙’𝑜𝑝𝑒𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑖 𝑐𝑎𝑟𝑎𝑏𝑖𝑛𝑖𝑒𝑟𝑖 𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑖𝑛𝑢𝑒𝑟𝑒𝑚𝑜 𝑎 𝑙𝑎𝑣𝑜𝑟𝑎𝑟𝑒 𝑠𝑢 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑓𝑟𝑜𝑛𝑡𝑖 𝑎𝑓𝑓𝑖𝑛𝑐ℎ𝑒́ 𝑖𝑙 𝑝𝑎𝑡𝑟𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑢𝑛𝑎𝑙𝑒, 𝑐ℎ𝑒 𝑎𝑝𝑝𝑎𝑟𝑡𝑖𝑒𝑛𝑒 𝑎 𝑡𝑢𝑡𝑡𝑖 𝑖 𝑐𝑖𝑡𝑡𝑎𝑑𝑖𝑛𝑖, 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑎 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑚𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑎𝑙 𝑟𝑖𝑝𝑎𝑟𝑜 𝑑𝑎 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑖 𝑎𝑡𝑡𝑖 𝑖𝑛𝑎𝑐𝑐𝑒𝑡𝑡𝑎𝑏𝑖𝑙𝑖”.
Sulla vicenda che ha toccato il centro anti violenza è intervenuta anche la coordinatrice dell’opposizione di Aprilia civica. “Semplicemente inaccettabile,  Ignoti si sono introdotti nel centro antiviolenza di Aprilia, rubando un computer e la macchinetta del caffè. Un atto ignobile che danneggia una realtà importante per il nostro territorio, sempre in prima linea per aiutare donne sole e/o in difficoltà. Spero che i carabinieri del Reparto Territoriale di Aprilia possano presto far luce sui responsabili”.
@ RIPRODUZIONE RISERVATA