POLITICA

Oggi l'incontro tra il presidente Zingaretti, la sindaca Virginia Raggi ed il Ministro Costa

I rifiuti di Roma ad APRILIA: Quando l’emergenza diventa la normalità

APRILIA – Si è concluso il vertice tra il presidente della Regione Zingaretti, il sindaco di Roma Virginia Raggi ed il ministro all’Ambiente Costa. L’incontro è stato definito positivo da tutte le parti in causa. “Stiamo lavorando per ripulire Roma – hanno detto sia la Raggi che Zingaretti – con grande spirito di collaborazione tra le istituzioni”. Con l’ordinanza regionale del presidente Zingaretti è arrivato infatti il via libera per portare i rifiuti capitolini in diversi impianti del Lazio, tra cui la Rida Ambiente di Aprilia. 

“Le soluzioni di breve periodo prevedono un aumento del conferimento negli impianti esistenti – ha spiegato la Raggi – quantità e capienze sono state deliberate nelle scorse ore. Nel medio periodo stiamo lavorando col ministero per individuare delle soluzioni all’estero, nel lungo periodo invece Roma Capitale sta varando un nuovo piano industriale serio e solido. L’assenza di alternative a Malagrotta ha creato questa continua emergenza. Per 40 anni non sono state costruite alternative a Malagrotta. Ora si tratta di individuare delle alternative e superare questa fase”.

“Con due riunioni tecniche a settimana – ha aggiunto il presidente della regione Lazio Zingaretti –  monitoreremo la situazione fino alla pulizia completa. L’importante è che ora esistono le disponibilità degli impianti e la volontà di Ama, con gli sforzi che sta facendo, di voltare pagina. La strada è quella giusta, il cambio di rotta c’è ed è quello che ci aspettavamo. Grazie ancora a tutti i sindaci e cittadini del Lazio”.

In verità il cambio di rotta non si vede per niente. Nulla di nuovo rispetto a questo inverno. Almeno per quanto riguarda Aprilia che continuerà, a causa dell’ordinanza di Zingaretti e del vuoto politico della Raggi in tema di rifiuti, a ricevere la spazzatura di Roma. Tutto ciò nonostante le ampie rassicurazioni date ad inizio anno agli apriliani dall’assessore regionale del Pd Valeriani che aveva assicurato che si trattava di una mera fase emergenziale. Invece qui l’emergenza sta diventando la normalità. Roma non aveva una alternativa a Malagrotta e continua a non averla. E i rifiuti capitolini continueranno ad essere trasferiti ad Aprilia e in altri comuni laziali. Con buona pace anche della politica apriliana incapace di opporsi al volere di Roma. Durante l’emergenza dell’inverno scorso qualche politico minacciava le barricate. Oggi nemmeno più quello…

@ RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Da non perdere