POLITICA

Forum per Aprilia replica alle liste civiche di centrosinistra

Forum: centrosinistra troppo litigioso, non c’è unità su nessun tema

Aprilia – Con il 2020 che bussa alle porte, il tavolo composto da diversi attori del centrosinistra locale, si prefigge un obiettivo ambizioso: quello di creare a sinistra una forza alternativa alla coalizione civica che attualmente amministra la città, per non farsi trovare impreparati al prossimo appuntamento elettorale del 2023. Non una proposta o una alternativa per affrontare i problemi storici che attanagliano la città, solo il generico proposito di costituire una alternativa al centro destra e alla coalizione che oggi governa. La replica della lista Forum, gruppo che detiene il più grosso gruzzolo di quote della maggioranza Terra, replica a stretto giro di posta alla conferenza delle 4 liste del centrosinistra apriliano.
“Restiamo non poco sorpresi però nel constatare che tra i protagonisti di questo generico nuovo corso siedono anche gli stessi personaggi che in un recente passato hanno contribuito a creare zizzania e mandare allo sfascio il progetto del centrosinistra apriliano, che non a caso non è mai riuscito – durante le ultime due tornate elettorali – a portare a casa un risultato che rendesse giustizia degli sforzi fatti per tenere in piedi una compagine litigiosa e che non riesce a restare unita neppure su un singolo tema.
Del resto, quando qualche proposta si concretizza nelle sedi istituzionali, si tratta di boutade che lasciano il tempo che trovano: non a caso nessuno degli emendamenti al bilancio approvato durante l’ultimo consiglio comunale da questa maggioranza e pervenuto dagli scranni dei consiglieri Giorgio Giusfredi e Davide Zingaretti, è riuscito ad arrivare indenne al voto. Nessuna delle proposte avanzate ha superato infatti l’analisi rispetto alla regolarità tecnica e contabile, segno che anche quando i due consiglieri provano a fare opposizione, il loro tentativo si risolve in nulla.
Segno dell’inesperienza. Quella stessa inesperienza che se applicata all’attività amministrativa, avrebbe potuto produrre disastri, come già accaduto in passato e dei quali la città serba memoria. E alla luce dei fatti, da cittadini prima ancora che da amministratori, non possiamo che tirare un sospiro di sollievo su come sono andate le cose.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA