POLITICA

Approvata una delibera di giunta, si punta a ridurre il rischio idrogeologico

APRILIA: Il Comune chiede 5 milioni di euro al Governo per realizzare opere pubbliche

APRILIA – Come annunciato dall’Assessora ai Lavori Pubblici Luana Caporaso qualche giorno fa, ieri la Giunta ha approvato una delibera per presentare al Governo richiesta di finanziamento finalizzata alla realizzazione di opere pubbliche, per mettere in sicurezza il territorio e ridurre il rischio idrogeologico e idraulico.

Cinque sono le opere previste, per un totale di 5milioni di euro:

  • Lavori di riduzione del rischio idraulico del fosso affluente Spaccasassi (ponte via Isole e via Pacinotti)
  • Lavori di riduzione del rischio idraulico del fosso della Ficoccia (ponte via Carroceto)
  • Interventi di adeguamento alveo fosso allacciante Astura in località Frassineto per riduzione rischio idrogeologico
  • Interventi di regimentazione delle acque sorgive per riduzione rischio idrogeologico in località Capoverde (via Roselli)
  • Lavori di mitigazione del rischio idraulico con regimentazione delle acque superficiali ad Aprilia Nord (II stralcio)

Il Comune di Aprilia ha già attinto a questi fondi negli scorsi anni, riuscendo a finanziare sia i lavori di piazza delle Comunità Europee e gli interventi di riqualificazione di scuole e plessi cittadini, sia alcuni importanti opere per risolvere problemi di allagamento, per i quali entro la fine del mese è previsto l’avvio della fase di progettazione.

“Come gli scorsi anni, anche per il 2020 grazie al costante lavoro degli uffici, il Comune di Aprilia presenta richiesta di finanziamento per opere di messa in sicurezza del territorio – commenta il Sindaco Antonio Terra – si tratta di opere importanti, anche in considerazione degli effetti dei cambiamenti climatici sul nostro territorio, con l’insorgere di episodi di bombe d’acqua o altri fenomeni meteorologici a cui non eravamo abituati e che oggi sembrano decisamente più frequenti che in passato. In attesa di una risposta da parte del Governo, abbiamo riavviato l’iter per la conclusione o l’avvio delle opere finanziate gli scorsi anni, dopo i rallentamenti dovuti al lockdown di questa primavera”.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA