POLITICA

Aprilia: Gestione rifiuti alla Progetto Ambiente fino al 2032, consiglio spaccato

APRILIA – L’amministrazione comunale ha dato semaforo verde al prolungamento dell’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti alla Progetto Ambiente fino al 2032. Il via libera è arrivato giovedì pomeriggio in consiglio comunale, al termine di una discussione accesa tra maggioranza ed opposizione. Alla fine la delibera presentata dall’assessore all’Ambiente Vittorio Marchitti è passata con i soli voti favorevoli della coalizione di centrodestra mentre la minoranza civica, seppur non contraria ad una estensione temporale dell’affidamento alla municipalizzata di via delle Valli, ha votato in maniera negativa. Il motivo? Secondo l’opposizione l’atto presentato in aula dall’amministrazione comunale sarebbe stato incompleto, raffazzonato e manchevole di alcuni elementi giudicati imprescindibili.

“Oggi si decide di prolungare l’affidamento alla Progetto Ambiente del servizio di gestione rifiuti – ha attaccato la Caporaso – senza allegare a questa delibera uno straccio di relazione che dimostri il beneficio economico per il comune di Aprilia. Mancano gli allegati a supporto di questo documento. Eppure la normativa parla chiaro. Per estendere questo affidamento servono tutta una serie di atti. Non c’è neanche una relazione da parte del dirigente alle finanze dell’ente comunale. Secondo noi questa delibera, così come è stata presentata, è da ritirare e da ripresentare con tutti i documenti economici e le relazioni necessarie all’approvazione. Se deciderete di andare per la vostra strada, ci rivolgeremo alla Corte dei Conti per segnalare questo modus operandi estremamente superficiale che già si era visto in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione”. “Quando portammo l’atto in aula per il prolungamento del servizio nel 2022  – ha continuato il consigliere Terra – allegammo ben sette documenti che andavano a giustificare la scelta di continuare con il servizio in house. Tra l’altro alcuni tra consiglieri e assessori che oggi si trovano in maggioranza, solo poco tempo fa criticavano apertamente ed aspramente il lavoro effettuato dalla Progetto Ambiente. Mi sarei quasi aspettato la revoca del servizio. Oggi, invece, scopro che sono tutti d’accordo nel voler prolungare, anzi raddoppiare, gli anni dell’affidamento del servizio di gestione dei tributi. Noi saremmo anche d’accordo ma servono le relazioni per dare via libera a questa delibera di indirizzo”. Di parere contrario l’amministrazione che ha tirato dritto per la sua strada. “Oggi – ha replicato l’assessore all’Ambiente Marchitti – non andiamo ad allungare il contratto di servizio della Progetto Ambiente fino al 2032 ma stiamo soltanto valutando la possibilità di farlo. Prima del via libera definitivo servirà comunque l’approvazione del nuovo piano industriale che porteremo sia in commissione che in consiglio comunale”.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA