FUORI CITTÀ

Nel mirino un ragazzino di 15 anni di origine centraficana

Mesi di insulti a sfondo razziale, minacce e richieste di denaro, banda di bulli minorenni arrestata

ROMA – Da Maggio ad Agosto scorsi hanno vessato, minacciato e insultato un ragazzino di 15 anni tramite profili fittizi creati in una chat di un servizio di messaggistica istantanea.

La vittima, piegata alle volontà dei suoi aguzzini che gli avevano indotto un perenne stato di paura e un fondato timore per la sua incolumità e per quelli dei familiari, ha iniziato a soffrire di disturbi d’ansia che lo hanno portato ad un lungo periodo di degenza al “Bambin Gesù”.

Il papà del 15enne ha chiesto aiuto ai Carabinieri della Compagnia Roma Trastevere che hanno immediatamente avviato un’attività d’indagine. Grazie ad accurati accertamenti su tabulati telefonici e dati telematici, i militari del Nucleo Operativo sono riusciti a stringere il cerchio intorno ai 3 responsabili, tutti studenti romani e coetanei della vittima, a cui ieri è stata notificata un’ordinanza di applicazione della misura cautelare della permanenza in casa emessa dal Tribunale per i Minorenni di Roma.

Le accuse nei loro confronti sono quelle di estorsione aggravata in concorso, atti persecutori e lesioni personali aggravate in concorso.

I bulli avevano costretto la giovane vittima a consegnare denaro – una somma stimata in complessivi 150 euro – e pacchetti di sigarette, bersagliandola con continue minacce e insulti, anche a sfondo razziale, facendo leva sulle sue origini centrafricane.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA