DIAMO VOCE

Nota stampa del gruppo apriliano Movap sul piano rifiuti regionale

Rifiuti- Movap: non commettiamo gli errori fatti con l’acqua

Mammucari: le linee guida dicono stop ai Tmb e aprono scenari importanti

APRILIA – Molte le novità che derivano dalle linee guida approvate dalla Giunta Regionale per l’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti che entrarà in vigore e disciplinerà l’intera filiera nei prossimi anni. Molte le novità per il nostro territorio che in questi anni ha dovuto subire la servitù nei confronti del comune di Roma incapace ad avviare una seria programmazione del servizio di raccolta e trattamento dei rifiuti urbani.
La più importante riguarda il superamento dell’attuale tecnologia dei TMB (Trattamento meccanico-biologico) con la loro conversione in impianti capaciti di trasformare i rifiuti indifferenziati in nuove materie così come richiesto dai nuovi paradigmi dell’economia circolare. Importante decisione che ha ricadute rilevanti su Aprilia che vede insistere sul suo territorio uno dei più grandi impianti di TMB regionali. Ecco allora che in vista della scadenza dell’Autorizzazione Integrata Ambibentale del 09 febbraio 2021 diviene fondamentale porre in essere da subito tutti gli studi ed atti necessari per consentire alla nostra comunità di far valere in sede di rinnovo la traduzione pratica di questo principio con l’abbandono definitivo di questa tecnologia. Ancora l’introduzione della Tariffa puntuale che il nostro movimento da anni chiede consentirà di premiare il cittadino che in questi anni ha svolto con diligenza la raccolta differenziata e consentirà di migliorare la qualità dei prodotti differenziati premiando il principio chi inquina paga e promuovendo i comportamenti più virtuosi.
Infine, la questione degli Ato e la loro definitiva implementazione. Qui la riflessione non deve scordarsi degli errori che più di un decennio fa furono fatti con riferimento al servizio idrico. La costruzione degli Ato per la gestione dei rifiuti porterà rilevanti novità, perché accanto alla gestione comune del ciclo dei rifiuti e al principio dell’autosufficienza vedrà anche quello dell’utilizzo di un unico gestore e l’applicazione di una tariffa uniforme su tutto il territorio ricompreso nell’Ato. La scelta del gestore ci vedrà per l’ennesima volta di fronte alla decisione politica tra il ricorso ad un soggetto privato oppure pubblico o come avvenuto per il servizio idrico misto pubblico/privato, scelta che la nostra comunità dovrà compiere pensando al bene comune, ma soprattutto valutando correttamente la scelta migliore.
Le sfide che ci attendo in tema di rifiuti richiedono attenzione, ma anche la necessità di costruire a livello provinciale un’alleanza politica in cui Aprilia possa proporre una visione innovativa per quanto riguarda la gestione di un settore fondamentale per la nostra comunità. In altre, parole non commettiamo gli errori fatti in tema di gestione del servizio idrico.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA