DIAMO VOCE

Intervento del consorzio La Gogna di Aprilia

De Paolis: il 2019 per La Gogna si è chiuso senza depuratore

Aprilia – E’ passato anche il 2019 e nonostante  l’attività che  abbiamo sviluppato nel corso di quest’anno e gli impegni assunti a più riprese  dai dirigenti dell’Amministrazione Comunale, siamo ancora  nella impossibilità di utilizzare la rete fognaria e il depuratore.  Nei prossimi giorni riuniremo gli organismi dirigenti per decidere quali iniziative prendere per  superare questa assurda situazione, che non rappresenta soltanto un danno  immediato per i cittadini, ma ci impedisce di portare avanti altre iniziative – oltre l’obiettivo del completamento  della rete fognaria –  per uscire dalla borgata e  trasformarla in un moderno quartiere urbano.

 Quindi, con lo slogan “non solo reti fognarie” intendiamo da subito ribadire  la richiesta più volte avanzata  di  provvedimenti per la “mobilità nella sicurezza”: dal completamento del marciapiede sulla provinciale, alla  realizzazione  di attraversamenti  pedonali rialzati, a interventi    per  rendere decentemente  praticabili anche le strade interne, a modifiche nel percorso  del trasporto locale, per  facilitarne l’utilizzo da parte di chi abita ai limiti estremi della borgata.    Ma l’obiettivo più importante che perseguiamo, è l’apertura di un confronto con l’Assessorato all’Urbanistica, per conoscere lo stato dei rapporti con la Regione  relativi a un provvedimento (la VAS o  altro) che non sappiamo se sia ormai approvato, che dovrebbe consentire  di dare avvio all’attuazione della variante, dove è fra l’altro  previsto,  che  un area della proprietà Lanza, nel’ambito di una intesa   con il Comune, sarà utilizzata per  strutture e servizi per la cittadinanza dei quali  chiederemo che se ne avvii la realizzazione, sia pure con la necessaria gradualità.

 Come Consorzio, disponendo già in quell’area  di uno spazio, frutto di  un comodato  con la proprietà, stiamo faticosamente cercando di attrezzarlo per renderlo fruibile in particolare a minori per attività ludiche e sportive, ma anche a persone di ogni età, dove  organizzare attività ricreative, culturali e altre  varie iniziative di socializzazione.  Come è facile valutare, puntiamo a  obiettivi molto  importanti  per i cittadini  e già sappiamo che  incontreremo obiettive difficoltà  per la loro  realizzazione, anche  perché oltre la nostra volontà, che è assicurata,   bisognerebbe disporre di maggiori risorse umane.  C’è infatti bisogno di rinforzare  il gruppo dirigente, con  persone di età più giovane di quella della maggior parte degli attuali e  pur validi dirigenti e chiediamo quindi a uomini e donne che rispondano a questa esigenza, di rendersi disponibili, anche per impegni limitati alla realizzazione  di  iniziative e progetti, nell’ambito del programma  che insieme andremo a  definire.  Chiudiamo questo comunicato con  l’augurio a  tutti i cittadini/e che l’anno appena iniziato porti risultati  per il miglioramento  della nostra condizione di vita.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA