CULTURA

Pomeriggio letterario presso il bar Il Quadrato

“Femminicidio- Storie di vittime e di assassini”, il libro della Gabrieli

Insieme alla scrittirice Gabrieli, Patricia Renzi, Turco e Domenico Vulcano

Si parla di femminicidio con l’autrice Rossana Gabrieli ed il candidato Domenico Vulcano. Alla presentazione del libro edito da Mondadori, dal titolo “ Femminicidio- Storie di vittime e di assassini”, il candidato del centro destra, relaziona sugli aspetti più istituzionali delle vicende, storie di donne vittime di grande violenza firmata al maschile, in virtù della sua professione, Ispettore dell’arma dei carabinieri.
“ La vicenda di Cisterna ha un retroscena che difficilmente si può immaginare ma le Istituzioni possono fare molto per arginare il problema prima che diventi dramma, spiega Domenico Vulcano, bisogna cogliere ogni piccolo dettaglio e sfumatura non appena, seppur impaurite, le vittime tentano di varcare la soglia di una caserma, per denunciare. Anche un Sindaco può fare molto, continua il candidato, ed io, se un giorno lo diventerò, farò di tutto, affinchè la politica del coraggio, della denuncia, della richiesta di aiuto, diventi cultura capillare”.
Moderati dalla giornalista Maria Corsetti, insieme all’autrice, sono intervenute, la Psicologa dott.ssa Gabriella Turco, e la docente Patricia Renzi.
“Non passa giorno, scrive la scrittrice, in cui giornali e media, non ci informano di un ennesimo tragico femminicidio. Ex fidanzati, ex mariti traditi o respinti aggrediscono e uccidono le donne che li hanno estromessi dalla loro vita. Si cerca di capire le ragioni di quanto accade, parlando di Raptus, ma in realtà quello del Raptus è un alibi per non andare in fondo nelle vere ragioni che coinvolgono assassini da una parte e vittime dall’altra. “
Il libro, l’ultima produzione di Rossana Gabrieli, fa emergere, attraverso i racconti dei criminali, a volte molto noti, proprio le vicissitudine di queste donne, le agonie negli ultimi giorni di vita, le donne che loro dicevano di amare. Il pomeriggio letterario ha visto la partecipazione di un disreto pubblico presso l’area esterna del Bar Il Quadrato presso piazza dei Bersaglieri. Si è parlato di violenza di genere, si sono raccontate vicende giudiziarie e si è cercato di sensibilizzare hli interevnuti su una questione delicata. Violare il muro del silenzio, denunciare, è il primo passo per migliorare la propria vita e quella dell’intera comunità.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA