CULTURA

APRILIA: Un concorso di poesia e racconti in memoria di ROBERTO FIORENTINI, al via la seconda edizione

APRILIA – E’ stato presentato questa mattina, presso l’istituto comprensivo Toscanini” di via Amburgo, il concorso di poesia e racconti “La diversità è il sale della vita”, in ricordo di Roberto Fiorentini. Il progetto, giunto alla seconda edizione per volere, è promosso dall’associazione culturale “Napo87” in collaborazione con la scuola Toscanini ed è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo grado di Aprilia. “Quest’anno abbiamo voluto dare spazio, oltre che alla poesia, anche ai racconti – spiega la professoressa Annapaola Mistero curatrice del concorso – il concorso ha lo scopo di sostenere la cultura e la creatività attraverso l’incentivazione di opere letterarie, la valorizzazione e la diffusione della scrittura creativa, la riflessione sul valore sociale e culturale della scrittura come luogo di approfondimento delle vicende individuali e collettive. Il fine è promuovere la riflessione sulle tematiche del viaggio e della diversità. Dal viaggio si può imparare a capire come il mondo sia composto da un insieme di culture, mentalità, usanze che variano di luogo in luogo. Il termine ultimo per presentare gli elaborati sarà il 29 febbraio, mentre la premiazione avverrà il 24 maggio alle 17e30 presso l’area verde dedicata a Roberto Fiorentini in via La Malfa”.

Gli elaborati ammessi verranno esaminati da una giuria qualificata costituita da Enrico Raponi, (ex dirigente scolastico Toscanini), Serena Russini (psicologa psicoterapeuta), Ilaria Angeloni (presidente dell’associazione Caffè Culturale), Marco Albertoni (ricercatore del dipartimento di Storia, culture e civiltà presso l’Università di Bologna). La stessa giuria sarà coordinata dal dirigente scolastico dell’Istituto Toscanini Rosalia Marino e presieduta da Filippo Fasano, ex professore del Liceo Meucci di Aprilia e oggi presidente della sezione Anpi di Aprilia.

Alla conferenza stampa, oltre ai famigliari di Roberto Fiorentini, era presente anche l’assessore alla Cultura Elvis Martino. “Con la famiglia di Roberto – ha spiegato Martino – abbiamo un rapporto stretto, ci incontriamo spesso, ci hanno donato una serie di libri su cui Roberto ha presentato gli esami universitari. Abbiamo bisogno di sentirci una comunità, abbiamo bisogno di persone valide come era Roberto. E’ stata una persona che si è spesa per la città, attraverso lo studio, la politica e l’associazionismo. Se oggi la biblioteca è stata rinnovata, lo dobbiamo anche a Roberto Fiorentini. L’amministrazione comunale continuerà ad essere vicina alla famiglia Fiorentini attraverso importanti iniziative sul territorio”.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA