CRONACA

Tragedia nel carcere di Latina, 36enne si toglie la vita. È il 17esimo suicidio del 2024

LATINA – Tragedia nella notte nel carcere di Latina dove un uomo di 36 anni, un detenuto di origini indiane, si è tolto la vita. L’uomo è stato rinvenuto cadavere dagli agenti della polizia penitenziaria. Da una prima ricostruzione, si sarebbe impiccato. A nulla è valso l’intervento dei soccorritori, i tentativi di rianimazione non sono bastati per salvare la vita dello straniero.

“Dall’inizio dell’anno, è il 17esimo detenuto che si toglie la vita, cui bisogna aggiungere anche un appartenente al Corpo di polizia penitenziaria, che, ha deciso di farla finita – spiega De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria – quanto sta avvenendo nelle carceri, con suicidi, omicidi, risse, rivolte, aggressioni alla Polizia penitenziaria, traffici illeciti e, nostro malgrado, anche qualche fenomeno di possibile degenerazione indotta, come quello di Reggio Emilia, non può lasciare indifferenti e, soprattutto, non si può considerare ordinario; dunque, non è arginabile con strumenti ordinari. A tutto ciò si aggiunga che sono 14mila i detenuti in più, rispetto ai posti effettivamente disponibili, mentre alla sola Polizia penitenziaria mancano almeno 18mila unità, rispetto al reale fabbisogno. Il Ministro della Giustizia, Carlo Nordio, e il Governo Meloni prendano coscienza della perdurante emergenza, forse davvero senza precedenti negli ultimi 30 anni, e intervengano con misure straordinarie”.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA