CRONACA

obbligo di soggiorno nel comune di residenza per un anno

Operazione “Scheggia”, sorveglianza speciale per l’ex consigliera regionale Gina Cetrone

LATINA – Oggi i poliziotti della Divisione Anticrimine della Questura di Latina hanno notificato ed eseguito il decreto di sottoposizione alla misura preventiva della Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per un anno, emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione su proposta del Questore di Latina, formulata a seguito di complessa attività investigativa, nei confronti di Gina Cetrone, già consigliera regionale, e del marito 50enne già ristretto agli arresti domiciliari e pertanto nei confronti di quest’ultimo l’esecuzione della misura preventiva resta sospesa nelle more della conclusione di quella cautelare.

L’azione investigativa per l’emissione della misura di prevenzione ha preso spunto dall’Operazione “Scheggia” della Squadra Mobile di Latina nel gennaio 2020 sulla criminalità
organizzata operante nel territorio pontino, quando venne eseguita l’Ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Roma, con la quale fu disposta la custodia cautelare in carcere nei confronti degli esponenti di vertice del sodalizio criminale di una nota famiglia latinense, nonché della ex consigliera regionale e del marito 50enne indagati a vario titolo per estorsione, atti di illecita concorrenza e violenza privata, reati aggravati dal metodo mafioso.

Il Tribunale di Roma ha confermato la gravità delle condotte poste in essere dalla Cetrone e dal 50enne, consistenti nell’intimidazione commessa ai danni di un imprenditore in evidente stato di difficoltà ed il patto con esponenti di un gruppo criminale per la gestione della campagna elettorale e la disinvoltura da essi dimostrata nell’avvalersi di personaggi pericolosi per il raggiungimento dei propri obiettivi, indicativi di un pericolo attuale e concreto di reiterazione.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA