CRONACA

È accaduto ieri a Latina in via Isonzo

Dopo il borseggio fuggono in auto ma finiscono contro due vetture, una persona arrestata

Latina – Dopo un borseggio fuggono in macchina inseguiti dalla Volante e speronano due auto. Un arresto.

Ieri intorno a mezzogiorno, a Latina in via Isonzo, tre individui hanno borseggiato una donna, sottraendole la borsa dove custodiva i suoi documenti, il cellulare, carte di credito varie e 75 euro.
Subito dopo, si sono dati alla fuga a bordo di un’autovettura FORD Focus.
Un cittadino che aveva assistito al fatto, ha dato immediatamente l’allarme al 113. Grazie alla descrizione fornita, una Volante dell’;U.P.G.S.P. è riuscita ad intercettare l’autovettura in fuga, iniziando così un inseguimento in direzione Cisterna di Latina.

Poco dopo, nei pressi dell’incrocio di borgo Podgora, il conducente della Ford Focus tallonato dalla Polizia ha perso il controllo dell’auto ed è andato a sbattere contro un’autovettura che era in transito; a causa della forte velocità, l’auto dei malviventi ha terminato la sua corsa contro un altro veicolo lì in sosta, a bordo della quale si trovava un’intera famiglia, tra cui due minori
Dopo l’impatto, i tre malviventi sono fuggiti a piedi inseguiti dai poliziotti, che sono riusciti a bloccare un uomo peruviano del’73, residente a Roma, che è stato tratto in arresto per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.
In auto, i poliziotti hanno rinvenuto la borsa sottratta poco prima ma anche altre borse da donna, probabile provento di altri scippi o borseggi: il veicolo è quindi stato sottoposto a sequestro e sarà ora la Polizia Scientifica ad occuparsi di individuare tracce o impronte utili alle indagini che permettano, in particolare, di risalire ai complici del peruviano arrestato.
Le persone coinvolte nell’incidente risultano allo stato illese, tranne il conducente del primo veicolo travolto dai fuggitivi, il quale è stato trasportato dal 118 al Pronto Soccorso dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, ove si trova attualmente in condizioni di salute non critiche.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA