CRONACA

APRILIA: SCATENA IL CAOS NELLA CHIESA DI SAN MICHELE, POI AGGREDISCE LA POLIZIA LOCALE

APRILIA – Entra in chiesa e scatena il caos, 32enne fermato da polizia locale e carabinieri. E’ accaduto ieri pomeriggio nel pieno centro storico di Aprilia. Un uomo, di origine bresciane ma da tempo residente nel comune pontino, si è reso protagonista di un pomeriggio ad alta tensione. Il 32enne, in uno stato psicofisico visibilmente alterato, è entrato all’interno della chiesa di San Michele in piazza Roma e si è diretto verso l’angolo dove si trovano le offerte dei fedeli. A quel punto ha iniziato a spaccare il candeliere votivo. Diversi i lumi andati completamente in frantumi. L’azione però, ovviamente, non è passata inosservata nè ai sacerdoti nè ai fedeli presenti in quel momento. Le persone hanno chiesto aiuto agli agenti della polizia locale che stazionavano in piazza Roma. In particolare, un agente del comando di viale Europa è entrato in chiesa e ha cercato di placare il 32enne, riuscendo poi a farlo uscire dall’edificio. L’uomo, però, anche all’esterno, ha continuato ad avere un atteggiamento aggressivo. Prima ha insultato l’agente, poi lo ha minacciato verbalmente. Infine ha cercato di colpirlo con dei pugni. L’agente della polizia locale di Aprilia è riuscito però a schivare i colpi. Poi ha estratto la bomboletta al peperoncino in dotazione e ha stordito l’aggressore con lo spray urticante. Nel frattempo, i colleghi hanno allertato anche i carabinieri del reparto territoriale di Aprilia e un’ambulanza del 118, intervenuti sul posto. Reso innocuo, il 32enne è stato poi consegnato ai militari dell’Arma che lo hanno trasferito nella caserma di via Tiberio per tutti gli accertamenti di rito. Un pomeriggio ad alta tensione per i cittadini del centro storico apriliano.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA