ATTUALITÀ

Rubrica a cura di Francesco Giordani

Sanremo, vincono i Maneskin. Il nostro podio: Extraliscio, Colapesce e DiMartino e Willie Peyote

Sanremo 2021: i vincitori

L’avevamo detto. La finale poteva riservare qualche sorpresa al fotofinish del televoto e così poi è stato, tanto che i valorosi capaci di resistere alle sei ore di estenuante diretta (oltre 10 milioni, più numerosi del previsto) sono stati almeno premiati da un colpo di scena degno del miglior thriller. I romani Maneskin (età media vent’anni) vincono infatti, grazie alla rockissima“Zitti e buoni”, la settantunesima edizione di Sanremo ma non erano certamente in molti a prevedere un esito simile fino a ieri. Il superfavorito e coccolatissimo Ermal Meta scivola in terza posizione (deve accontentarsi del premio “Bigazzi” per la miglior composizione musicale…) e la coppia Michielin-Fedez, dalla diciassettesima posizione di ieri, si ritrova addirittura seconda, ad un pelo dall’alloro. Miracoli del televoto (del resto, come avevamo notato, la loro canzone è già la più ascoltata e trasmessa del festival) ma anche dei social network: l’appello lanciato dall’influencer Chiara Ferragni, dall’alto dei suoi 22 milioni di followers su Instagram, a sostenere il comunque popolarissimo marito (con tanto di codice per il televoto), funziona così bene da sconvolgere una classifica che pareva già decisa. A Colapesce-Dimartino va il premio della sala stampa “Lucio Dalla”, mentre, come previsto, Willie Peyote porta a casa il meritato premio della critica “Mia Martini”. A Madame infine il premio “Bardotti” per il miglior testo. Crollano invece nel purgatorio della mezza classifica Noemi, Malika, Arisa e la favorita Annalisa, vendicate però da una performance già leggendaria di un’ispiratissima Ornella Vanoni. Finisce così, in maniera imprevedibile, un’edizione del festival inevitabilmente anomala, che tampona l’assenza di pubblico e l’emorragia di ascolti con il record di interazioni sui social network (oltre 6 milioni, + 20% rispetto allo scorso anno), segno che la canzone è un argomento che, malgrado tutto, ancora appassiona gli Italiani.

Di seguito i nostri premi, a cura di Francesco Giordani

Miglior canzone: Extraliscio e Davide Toffolo, “Bianca Luce Nera”

Canzone che continueremo a cantare: Colapesce e Dimartino, “Musica Leggerissima”

Miglior interpretazione: Annalisa, “Dieci”

Miglior testo: Willie Peyote, “Mai dire mai (La Locura)”

Miglior perfomance: La Rappresentante di Lista, “Amare”

Premio speciale simpatia: Bugo, “E invece sì”, ex aequo con Orietta Berti, “Quando ti sei innamorato”

Peggiore canzone: Gio Evan, “Arnica”.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA