ATTUALITÀ

La nota del direttore generale della Asl Latina Giorgio Casati

La Asl di Latina risponde a Federcuochi: “Tanti positivi dopo feste e cerimonie, restrizioni giuste per contenere il Covid”

LATINA – In risposta alla nota del portavoce di Federcuochi Italia e Fic Lazio sull’ordinanza regionale restrittiva che ha interessato la provincia di Latina interviene il Direttore Generale dell’Azienda USL di Latina, Dott. Giorgio Casati, che afferma: “Certamente quando viene adottata una ordinanza che introduce delle restrizioni, a seconda dei punti di vista particolari, è possibile che alcuni possano individuare elementi di illogicità. Ad altri, invece, appare del tutto illogico che in un contesto pandemico in evoluzione, con incrementi di positivi così importanti come quelli registrati sul territorio di Latina, non si faccia nulla o si possa immaginare che il provvedimento si basi sull’ipotesi che il contagio sospenda la sua azione in attesa che possano essere evasi gli impegni già assunti per i giorni successivi.
Purtroppo il problema non è l’ordinanza ma il COVID che non si ferma.
In Provincia di Latina, purtroppo, non sono poche le situazioni di positività derivate da feste organizzate a seguito di cerimonie.
Potremmo chiedere alle persone ricoverate o positive isolate al loro domicilio, a seguito di quegli eventi, quale provvedimento adottare.
Il vero tema da porre sul tavolo della discussione non può certo essere il disappunto sul contenuto di un’ordinanza inevitabile per la situazione in essere, ma piuttosto come agire in modo sinergico, tra Istituzioni e associazioni di categoria per risolvere un problema che, se non affrontato in modo efficace, rischia di produrre effetti devastanti per tutti.”

@ RIPRODUZIONE RISERVATA